Il 13 ottobre al Santuario del Trompone di Moncrivello, presente il vescovo Arnolfo,

un incontro che tratterà dello studio pilota condotto in Piemonte sui bisogni degli anziani

Anche quest’anno, il Corso di Laurea in Terapia Occupazionale, Università Cattolica del Sacro Cuore, Facoltà di Medicina e Chirurgia di Roma, con sede presso la Casa di cura “Mons. Luigi Novarese” di Moncrivello, Vercelli, inizierà con un importante Convegno Accademico.

«L’apice dell’incontro sarà la lezione magistrale – spiega la dottoressa Renata Spalek, direttrice del Corso – tenuta da Arndt Büssing, professore di Quality Life, Spirituality and coping, dell’Itituto di Medicina Integrativa dell’Università di Witten/Herdecke (Germania), che parlerà dei risultati ottenuti da un importante studio pilota condotto il Piemonte, nato dalla collaborazione tra l‘Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e due università tedesche, quella di Witten/Herdecke e la Cattolica di Eichstatt- Ingolstadt, per comprendere meglio la connessione tra i bisogni psicosociali e spirituali, le forme di spiritualità, la soddisfazione di vita e gli stati d’animo delle persone anziane».

Il Convegno inizierà subito dopo la celebrazione eucaristica presieduta in Santuario dal vescovo di Vercelli, monsignor Marco Arnolfo e sarà moderato da Mara Strazzacappa, medico Geriatra del centro di Riabilitativo “Mons. Luigi Novarese” e Janusz Surzykiewicz, professore ordinario di Teologia Pastorale e Psicologia dell’Università Cattolica di EichstättIngolstadt (Germania) e professore di Psicopedagogia all’Università Cardinal Stefan Wyszyński di Varsavia, in Polonia. Durante l’incontro interverranno anche Francesco Landi, presidente del corso di Laurea in Terapia Occupazionale, e don Janusz Malski, Moderatore generale dei Silenziosi Operai della Croce.

Ad assistere al Convegno, anche i nuovi quindici iscritti al Corso di Laurea di durata triennale che si articola in sei semestri con lezioni frontali e tirocini, al termine del quale saranno terapisti occupazionali, figure oggi divenute indispensabili nell’equipe multidisciplinare per l’intero Sistema Sanitario Nazionale.

La mattinata si concluderà con il buffet offerto dai Silenziosi Operai della Croce.