Il 18 agosto scorso, l’ASL di Vercelli ha attivato 10 posti letto di continuità assistenziale a valenza sanitaria presso la RSA “Virgo potens” di Moncrivello, Vercelli.

Gestita dai Silenziosi Operai della Croce presso il complesso del Santuario del Trompone, di cui fa parte la Casa di cura “Mons. Luigi Novarese”, centro di recupero e rieducazione funzionale di II livello, l’RSA è contrassegnata dalla possibilità di offrire ai degenti un supporto sanitario lungo tutto l’arco delle 24 ore ed un ambiente umanamente gradevole e vivificante.

Il servizio offerto riguarda i pazienti, non solo anziani, prevalentemente provenienti da reparti per acuti, per i quali non sia possibile un immediato rientro al domicilio e che necessitino di un ulteriore periodo di convalescenza presso strutture abilitate a fornire assistenza a valenza sanitaria, con presenza di figure sanitarie potenziata rispetto ai normali parametri delle Case di riposo RSA.

Questo tipo di percorso, ai sensi della normativa regionale, è sovvenzionato dall’ASL e completa la gamma di servizi dedicati alla non autosufficienza e disabilità rispondendo così alla richiesta del territorio di decongestionare i reparti ospedalieri.

In attesa dell’imminente completamento dei lavori di ristrutturazione del Complesso del Trompone, inizialmente i 10 posti letti saranno collocati all’interno della Casa di cura “Mons. Luigi Novarese”.

L’RSA “Virgo potens”, oltre ai 10 posti letto di continuità assistenziale, conterrà 10 posti letto di RSA per l’accoglienza di persone con necessità di alta intensità assistenziale, un NSV (Nucleo Stati Vegetativi) per l’accoglienza di persone in stato vegetativo persistente ed un NAC (Nucleo Alta Complessità) per l’accoglienza di persone affette da patologie neurologiche altamente invalidanti (SLA).