E’ un pomeriggio molto atteso, quello di domenica 23 Novembre, per i pazienti della Casa di cura “Mons. Luigi Novarese” di Moncrivello, Vercelli. Infatti, alle ore 16, presso la sala del primo piano della clinica, la corale S. Michele di Candia Canavese (TO), diretta dal maestro Solutore Salto, allieterà i degenti con la rivisitazione dei grandi successi del famoso cantautore torinese Gipo Farassino, scomparso l’anno scorso.
“La nostra corale – ha spiegato il maestro Solutore Salto – è nata nel 1998 come corale parrocchiale di Candia, si è poi rafforzata negli anni con l’inserimento di nuove voci di appassionati di canto della zona che in questa occasione hanno voluto impegnarsi per proporre in pubblico anche un repertorio di brani non religiosi”.
Gipo Farassino (1934 – 2013) aveva iniziato la carriera giovanissimo, suonando nelle balere del Piemonte e anche all’estero. Negli Anni 60 aveva raggiunto la popolarità, prima con le canzoni in piemontese, poi, nel 1968, con il successo in italiano “Avere un amico”. Negli Anni Ottanta si era anche dedicato alla politica, fino all’elezione al Parlamento europeo nel 1994 nelle liste della Lega. E’ anche stato assessore dell’ultima giunta Ghigo. Aveva poi abbandonato quel mondo, nel quale si sentiva a disagio, per tornare sul palcoscenico a cantare la sua città, Torino, sempre accompagnato dall’attenzione e dall’affetto del pubblico.

 

Concerto alla Casa di cura Mons. Luigi Novarese.